|

FEBBRAIO 2016

Data pubblicazione: 04-02-2016
 
PRIMA PAGINA

LO STRILLO COMPIE

VENTANNI

DI PUBBLICAZIONI

di Mimì De Simone

PASSATI I SANTI passate le feste, ma non è così, almeno per noi, perché Lo Strillo compie in questo neo 2016 vent’anni di pubblicazioni. Il primo numero è del 16 febbraio del 1996, quando emozionatissimi davanti alla rotativa aspettavamo che sputasse le prime copie che odoravano d’inchiostro. Ed ora sono qui alla mia ragguardevole età di 90 anni a mettere ancora penna su carta, naturalmente metaforicamente, perché come ben sapete la vista mi ha abbandonato, ed allora ho imparato a dettare, non sbatto più le due dita sui tasti della mia amata Remington, che ahimè dovetti lasciare quando a “Il Mattino” si passò alla cosiddetta meccanizzazione, ed entrarono nella nostra vita le tastiere dei computer. Quando decidemmo di dar vita a Lo Strillo (ero in pensione da “Il Mattino”), che nasceva sulle ceneri di un altro giornale “Libero” - che fondammo insieme ad Aldo Bovio - io, Annamaria Ghedina, Luca Vespoli, Mario Pagliari con intraprendenza perché fare un giornale non è mai facile, non avrei mai pensato di arrivare fin qui. Non voglio però indulgere nei ricordi solo un pensiero a Luca Vespoli, carissimo amico, che ci ha lasciato negli anni ’90 positanese doc. E siamo qui, molti sono i ragazzi che sono passati nella nostra piccola, ma vissuta redazione prima a C.so Arnaldo Lucci e poi qui a Via Toledo, dove ancora strilliamo ed insieme a noi tutti i nostri giovani collaboratori e gli illustri colleghi che hanno risposto, quando li ho interpellati: Ermanno Corsi, Renato Ribaud ed Antonella Salerno, Giorgio Bubba, Rino Di Stefano, ed ancora Renato Catania, Luca Torre, Italo Del Gaudio, Alfonso Cascella, Antonio Faracca, Gianfranco Mascelli, preziosi professionisti  che ci aiutano a fare un’informazione libera e moderna e tutti gli altri che non cito perché non ci starei nello spazio, ma non posso non parlare di Annamaria Ghedina preziosissima mio braccio destro e non solo il vero motore de Lo Strillo, Antonio D’Addio che con Annamaria formano un duo inscindibile, ed Alberto Alovisi immancabile presenza a tutte le conferenze stampa istituzionali e non..e poi basta chiusa la stanza dei ricordi, passiamo oltre sempre in prima linea ed attenti alle cose di Napoli e di tutto quello che stimola la nostra curiosità ed il nostro spirito d’avventura, ve lo dice Miss Chef lo show cooking di cui noi siamo i media Partner, e ve lo dice Mimì de Simone “Nastro Verde” per la enogastronomia il sodalizio europeo inventato anni fa da Nicola Iadanza uomo arguto ed impareggiabile che spiritualmente mi è ancora vicino.

SFOGLIA LE PAGINE DE LO STRILLO

O SCARICATI IL PDF

********

ADERITE ALLA NOSTRA INIZIATIVA
PER  INTESTARE  A TOTO' PIAZZA PRINCIPE UMBERTO

********

Fuochi d'artificio per il 2016


 

Allegati: