|

G/FEBB 2015

Data pubblicazione: 04-02-2015
 
PRIMA

NAPOLI TI ASPETTA!

Mimì De Simone

 IO SONO un protetto, fin dalla mia nascita circa 89 anni fa, e sono entrato nel 90 anni di vita, di cui più di 60 trascorsi nel giornalismo attivo, ed ancor oggi, con l’aiuto dei miei fedeli collaboratori sono con voi ad ogni uscita del giornale. Protetto da chi vi chiederete? Dalla Madonna. Io da sempre sono un mariano convinto e porto meco una medaglietta miracolosa. Non pensate a me come un bigotto, anzi il contrario, però in tutti i momenti della mia vita, quelli più duri, quando fui preso a 18 anni dai tedeschi per essere deportato in Germania, fui “aiutato” e con un audace azione mi gettai nel fiume dal treno sul quale eravamo con alcuni compagni e sfuggii alla destinazione campi di concentramento. Ed ancora altri dove, lo so, fui aiutato a superare questi impasse. Perché questo preambolo a sfondo religioso? I recenti fatti di Charlie Hebdo? Il pericolo Isis, le rivelazioni del III segreto di Fatima di cui parla il nostro Luigi Aiello nell’ articolo a pag.9? No semplicemente prendendo spunto dal pezzo dell’amico Giorgio Bubba a pag.3, perché il 21 marzo sarà a Napoli a Piazza Plebiscito ad incontrare tutti i Napoletani Papa Francesco. Ed io da buon giornalista sono voluto arrivare prima degli altri colleghi, per non “bucare” visto che noi siamo un periodico e stiamo facendo doppi numeri, come questo, ho voluto arrivare in anticipo su gli altri che avranno la possibilità di dedicare alla sua venuta pagine e pagine. La copertina è stata realizzata da un bravo vignettista, un giovane che si sta affacciando al mondo della grafica e delle caricature, non però in questo caso, e che ringraziamo, Ciro Scialò. Un appuntamento al quale non bisogna assolutamente mancare, proprio perché a cominciare da Giovanni Paolo II e poi Benedetto XVI, ed ora Francesco tutti particolarmente devoti alla Vergine Maria. E nel motto apostolico Totus Tuus di Giovanni Paolo II vi invito a riflettere sul nostro essere cristiani e cattolici più attenti di quello che in generale siamo, occupati a correre dietro alla carriera, ai soldi, al potere, dimenticandoci che noi qui, sulla terra, siamo solo di passaggio. Ave.

SFOGLIA LE PAGINE DE LO STRILLO

 

O SCARICATI IL PDF

********

ADERITE ALLA NOSTRA INIZIATIVA
PER  INTESTARE  A TOTO' PIAZZA PRINCIPE UMBERTO

********

Napoli, un paradiso ancora da ripulire

   


Napoli, 10 febbraio 2015 - Siamo tornati in strada per rilevare le piccole-grandi emergenze di questa città meravigliosa, o come scriveva Benedetto Croce, di questo “paradiso abitato da diavoli”. Questa volta la nostra attenzione si è focalizzata sul rispetto ambientale e sull’igiene delle strade. Siamo partiti dal quartieri Stella-San Carlo all’Arena (prolungamento e via Carlo De Marco, piazza Gian Battista Vico, piazza Carlo III e via Foria) e siamo giunti al quartiere San Ferdinando (via Toledo e via Santa Lucia). Abbiamo rilevato che negli ultimi tempi l’igiene delle strade – almeno di quelle più centrali – è sensibilmente migliorata, anche se molti luoghi necessiterebbero decisamente di interventi di pulizia più frequenti. Quello che purtroppo manca ancora è la civiltà da parte di molti cittadini, i quali, nonostante tutti i centri di raccolta per rifiuti speciali presenti sul territorio cittadino e le numerose campane per la raccolta differenziata, continuano a gettare rifiuti di ogni tipo nelle adiacenze dei cassonetti e non. A nostro avviso le Istituzioni cittadine dovrebbero potenziare la pulizia delle strade ed i controlli volti a sanzionare i cittadini incivili che ogni giorno concorrono a trasformare questa città meravigliosa in una discarica.

Video, montaggio e testo di Luigi Ventriglia (Periodico “Lo Strillo”)
www.lostrillo.it

Allegati: